Il crowdfunding equity-based permette alle Startup innovative e PMI innovative e tradizionali la raccolta di capitali di rischio, tramite l'emissione di strumenti finanziari partecipativi al capitale sociale della propria impresa e la conseguente offerta agli investitori su portali specializzati come 200Crowd.

L'equity-based è uno degli ultimi modelli nel panorama del crowdfunding ed è una forma di investimento relativamente nuova in Italia. Consente alla “folla” di investitori (crowd) di finanziare startup o piccole e medie imprese (pmi) innovative attraverso portali online autorizzati, erogando un contributo finanziario in cambio di quote societarie delle stesse imprese.

Gli altri tipi di crowdfunding sono:

  • Donation: utilizzato principalmente da enti ed organizzazioni no-profit per sostenere economicamente una causa sociale, etica o filantropica. Chi dona non ottiene alcuna beneficio materiale dal sostegno alla causa.
  • Reward: il modello di crowdfunding più diffuso poiché remunera chi compie la donazione. Rientra in questo modello anche la pratica del pre-selling - chi lancia un progetto potrà rivolgersi al crowd per ottenere i fondi necessari allo sviluppo, progettazione e produzione di un prodotto, offrendolo poi come ricompensa ad un prezzo inferiore rispetto al futuro prezzo di lancio.
  • Lending: letteralmente, il prestito tra privati, detto anche peer to peer. Grazie a questo modello i risparmiatri privati evitano le banche e possono prestare (o ricevere prestiti) con tassi di impiego ed utilizzo agevolati. Questa tipologia di crowdfunding si è molto diffusa negli ultimi anni, finanziando sia progetti aziendali che personali.

Su 200Crowd con il crowdfunding equity-based una startup o PMI lancia la raccolta di finanziamento illustrando innanzitutto il progetto soggetto della campagna e il'obiettivo di raccolta da raggiungere. 

L’obiettivo di raccolta viene diviso in quote a prezzo fisso e queste vengono offerte agli investitori. 

Quando la campagna si conclude con successo, avendo raggiunto l'obiettivo minimo di raccolta, gli investitori otterranno in cambio la partecipazione al capitale sociale; viceversa, verrà restituita l’eventuale somma versata degli investitori. 

Pertanto, l'investitore si configura come un socio che ha effettuato un investimento e ha acquistato una quota del capitale della società.

Investire in aziende attraverso l’equity crowdfunding significa puntare su nuove imprese che si ritiene abbiano il potenziale per crescere e imporsi sui mercati. 

Hai trovato la risposta?