I portali di Equity Crowdfunding sono soggetti autorizzati ai sensi del d.l. 179/2012 e del regolamento Consob 18592/2013.

Sono gli unici abilitati alla ricezione e pubblicazione online di offerte di aziende non quotate per la raccolta di capitali di rischio.
Costituiscono un elemento fondamentale per il finanziamento delle Start Up e delle PMI e per la crescita dell'ecosistema.

L’equity crowdfunding è una forma di finanziamento “partecipativo” nato per favorire lo sviluppo di piccole realtà imprenditoriali, grazie all'utilizzo di portali appositi.
Inizialmente dedicato solo a startup innovative pensato per trovare finanziamenti, l’equity crowdfunding si è poi aperto a tutte le PMI, piccole e medie imprese italiane. L’equity crowdfunding consente di raccogliere finanziamenti in cambio di una partecipazione azionaria all’interno del capitale della società. Gli investitori che finanziano una PMI o una startup diventano soci, acquisendo diritti patrimoniali e amministrativi (a seconda del tipo di quota che acquisiscono).

Le modalità di partecipazione alle campagne sui portali di equity crowdfunding sono regolamentante quindi dal decreto legge n. 179 del 2012. Il cosiddetto “Decreto crescita bis” è quello di incentivare e regolamentare l’utilizzo di tali portali e delle nuove forme di finanziamento per le piccole e medie imprese e startup. 

La Consob ha ricevuto poi il compito di regolamentare il fenomeno dei portali di equity crowdfunding.

Two Hundred, che gestisce il portale 200Crowd, è regolarmente autorizzata da Consob dal 18 giugno 2014, con provvedimento n. 18946, ed è iscritta nell’apposito registro dei portali di equity crowdfunding tenuto dalla Consob (maggiori informazioni qui).

Basta accedere al portale e registrarsi come Privato o come Azienda per investire o lanciare una campagna di equity crowdfunding: vai qui e prova quanto è facile usare un portale di equity crowdfunding per investire in startup o PMI o finanziare il tuo progetto!

Hai trovato la risposta?