Come preparare una campagna di equity crowdfunding efficace?
Dividi il tuo lavoro in più parti, tutte però con eguale importanza.

TITOLO

Scegliere il titolo della tua campagna di equity crowdfunding potrebbe sembrare un'azione banale, ma non lo è: è il biglietto da visita della tua campagna, la cosa principale che gli utenti e gli investitori ricorderanno.

Come sceglierlo al meglio quindi?

La strada migliore è usare direttamente il nome della tua startup/PMI o del progettoper cui hai creato la campagna di equity crowdfunding. Nomi corti o facili da ricordare e che ispirino curiosità, per esempio ELIGO, EGGUP, ALFONSINO, START2IMPACT, FINDMYLOST ecc.
Oltre al nome del progetto puoi aggiungere qualche parola per spiegare agli investitori direttamente di che si tratta, come per LAILA - A HUMAN TOUCH, KEELCRAB: IL PRIMO DRONE PER LA PULIZIA DELLO SCAFO, GLASSUP F4: A.R. & INDUSTRIA 4.0.

Un discorso a parte merita il sottotitolo, poche righe che ti permetteranno o di spiegare molto sinteticamente qual è il soggetto della tua campagna, per esempio "Eggup è il Saas (Software as a Service) per l'analisi delle softo skills individuali e di team", oppure di inserire una call to action molto esplicita, come per il Syndicate Deal in Checkout Technologies, "Investi in Checkout Technologies e costruisci il negozio del futuro."

Non è quindi necessario usare frasi lunghe, il nome del tuo progetto è la scelta migliore per il titolo della tua campagna di equity crowdfunding.
Una nota per l'URL: l'URL del progetto viene generata in automatico dalla piattaforma attraverso il nome del tuo progetto, per renderla unica e aiutare l'investimento nella tua campagna.

DESCRIZIONE

La descrizione del tuo progetto è la parte fondamentale della tua campagna di equity crowdfunding.

E' la presentazione, la prima cosa che gli investitori leggeranno e apprenderanno sulla tua campagna. 

Si articola sostanzialmenti in tre parti: Pitch, Problem, Solution.

  1. Pitch: descrivi sinteticamente di cosa si occupa la tua startup o PMI per la quale hai creato la campagna di equity crowdfunding. Il concetto, la descrizione deve essere racchiusa in 2 righe al massimo. Poi descrivi come è nato il tuo progetto, qual è il percorso lavorativo dei membri e dei founder e descrivi sinteticamente qual è lo scopo, l'obiettivo che la startup/PMI vuole raggiungere grazie alla campagna di equity crowdfunding, ma nel particolare quale è la tua visione. Il tutto deve essere chiaro, conciso e di facile comprensione per permettere all'investitore di arrivare direttamente al cuore del progetto, comprendendo il tuo punto di vista. In questo modo l'investitore, una volta capito per bene chi siete e cosa fate, potrà dedicarsi alle parti più tecniche della descrizione e del resto del progetto.
  2. Problem: in questa parte parla dell'origine del tuo progetto e della situazione che ti ha spinto a crearlo; quale è stato il "problema" che hai individuato. Puoi fare riferimento ad una carenza nel settore del mercato di riferimento, un conflitto o costi operazionali troppo alti che mettono quindi in difficoltà la branca del mercato a cui fai riferimento .
  3. Solution: spiega quale è la tua "soluzione" al "problema" presentato in precedenza; quali calcoli o analisi hai effettuato e come sei arrivato alla risoluzione che hai intenzione di finanziare attraverso la campagna di equity crowdfunding o che vuoi sviluppare ulteriormente, cioè al risultato finale del tuo progetto, sia esso un software o un hardware. Descrivi il tuo progetto, come funziona e soprattutto come può colmare la lacuna nel mercato che hai individuato attraverso l'analisi del "problema".

Ricordati sempre e comunque che il testo della campagna di equity crowdfunding deve essere semplice e di facile fruizione, per far sì che gli investitori possano vedere la tua visione del progetto aldilà dei dettagli tecnici professionali.

(Posso caricare materiale protetto da Copyright?

NO, se non hai acquisito i diritti.
I termini e condizioni d’uso di Two Hundred spiegano specificatamente la proibizione nell'utilizzo di materiale che non sia stato creato da te o del quale non hai ricevuto autorizzazione alla condivisione o utilizzo.
Se hai bisogno di materiale, puoi considerare la possibilità di utilizzare materiale libero da Copyright (per esempio materiale Copyleft).
Eventuali controversie nell'utilizzo di materiale su Two Hundred, verranno trattate nel rispetto della legge Italiana sul copyright ed i diritti d’autore. Tieni presente che questo tipo di violazioni sfociano in un alto costo legale
)

Seguono poi, nel testo della tua campagna, le sezioni Market and Competitors, Business Model, Strategy e financial Projection dove illustrerai a livello più tecnico come il tuo progetto si inserisce nel mercato. 

LOCALITÀ

Durante la creazione della tua campagna di equity crowdfunding avrai la possibilità di inserire la Località, l'indirizzo, della tua azienda. 

E' un dato obbligatorio?

No, non lo è, ma è fortemente consigliabile!

I progetti infatti saranno navigabili anche per posizionamento geografico, e inserire la località della sede della tua startup o PMI renderà più facilmente visualizzabile la tua campagna di equity crowdfunding.

Nel processo di inserimento della tua campagna di equity crowdfunding, nella sezione Team & Contatti, oltre a invitare i membri del tuo team a registrare i loro canali social (tra cui Linkedin) e a mettere le pagine social della tua startup o PMI e il sito web, ti sarà chiesto di scrivere anche l'indirizzo completo della tua azienda.

Gli investitori andando alla sezione Info della tua campagna di equity crowdfunding, visualizzeranno la mappa con l'indirizzo della tua azienda.

DISCLAIMER
Two Hundred non può fornire protezione per la tua idea e per la proprietà intellettuale.
Condividere progetti su Internet offre una grandissima visibilità, ma sei solo tu il responsabile della protezione dei tuoi diritti.

* * *

Puoi prendere come esempio per la creazione della tua campagna di equity crowdfunding le campagne attive su 200Crowd: vai a questo link!

Hai trovato la risposta?